Lucio Passerini Edizioni news contatti blog
  Catalogo Album Codicilli Progetti English
UNA POESIA
Una poesia e una incisione.
Libretti composti da un unico foglio piegato tre
volte, con copertina e astuccio. F.to cm 16 x 15.5. Testi composti in Linotype Garamond. Stampa con torchio a mano su carta Hahnemühle in 66 esemplari numerati e firmati.
Ezra Pound,
Song
Con la traduzione di G.Ungaretti 
e una xilografia di L. Passerini. (1991)
Emily Dickinson,
A Poem
Con la traduzione di Matteo Noja 
e una incisione di Francesca Fornerone. (1991)
Giacomo Leopardi,
L'Infinito
Con la traduzione inglese di R.C.Trevelyan 
e una acquaforte di Renato Bruscaglia. (1991)
Raúl G. Tuñon,
El poeta murió al amanecer
Con una acquaforte di Julio Paz. (1992)
Marina Cvetaeva,
L'anima e il nome
Con la traduzione di E.Pascucci 
e una xilografia di Marina Bindella. (1992)
Una canzone Quechua, 
Cuido una mosca
Testo spagnolo, con una xilografia di Hilda Paz. (1993)
Carol Ann Duffy,
Foreign
Con una incisione di Rebecca Forster. (1993)
Gottfried Benn,
In einer Nacht
Con la  traduzione di Ferruccio Masini e 
una maniera nera di Giulia Napoleone.  (1994)
W.C. Williams,
Spring Song
Con la traduzione di Cristina Campo e 
una  incisione  di Enrico Della Torre. (1994)
Franco Matticchio,
Viaggio in USA
Un raccontino con una acquaforte dell'autore. (1996)
Marosia Castaldi,
nemmeno cose
Con una xilografia di Marco Magrini. (1996)
Roberto Sanesi,
Variations
Una poesia in versione inglese e italiana, 
con una acquatinta dell'autore.  (1997)
Torquato Tasso,
Due madrigali
Con una incisione a bulino di Guido Navaretti. (1997)
William Shakespeare,
Sonnet XLIII
Con una xilografia di Lucio Passerini. (1999)

Marco Vitale, Sono solo più fragili

Con una xilografia di Lucio Passerini. 2000.
Burchiello, Tre sonetti
Con una xilografia di Paolo Guidotti. 2002.
Stefano Raimondi, Due

Con una xilografia di Chiara Bottelli. Cinquanta esemplari su carta Graphia, cm 16,5 × 10.5, 2005.
Piotr Sommer, Szewski, Stolarski
(De cordonnier, de menuisier)

Con una xilografia di Marina Bindella. Sessantasei esemplari su carta Hahnemühle, cm 19 × 16, 2005.